Le filstrocche dei nostri nonni

Questa è una raccolta di giochi, filastrocche, "conte", detti vari in dialetto veneto, che accompagnavano le varie tappe della vita e ricorrenze particolari.
(Tratto da "Racconti cassolani")

 

 

C' era una culla
con un bambino
piccolo, piccolo, un bambolino!
Treppete, treppete
la culla andava!
Treppete, treppete
la mamma cantava!
Ma il bambinello grande divenne
ed ecco allora quello che avvenne:
sempre diceva: "più non ci stò!"
un bel lettino mamma comprò.
Il letto arriva e dice:
"Addio cullina, vattene,
che il posto é mio!"
Pianse la culla nella soffitta,
fu abbandonata misera e afflitta.
Tacita e vuota
sempre pensava
più non godeva
né si ninnava.
Quando una notte
con lieve scossa
treppete, treppete
si sente mossa.
Che mai succede?
C'è un buon tepore,
c'è un peso morbido
qualche rumore.
Non è più vuota, no, la cullina
ha tre gattini con la mammina,
dormono i piccoli
chiusi gli occhietti
tenero il pelo, belli musetti,
buona la madre veglia su lor,
la culla mormora:
"Che dolce amor!"
Nana bibì,
nana bibò,
tuti i putei fa nana
e ti no.
I nonni
Doman se festa
se magna a menestra,
se beve co' l bocae,
doman se carnevae!
Tutù. tutù museta,
a mama se 'nda mesa,
'l papà se 'nda sui campi,
co' tri cavai bianchi
bianca a sea
tutù museta bea.
Un bocon mi
un bocon ti
un bocon al can...ahm!
Go fame,
magna curame;
go sé,
bevi asé;
go sono,
va in leto co' e savate de to nono.
Ciccio bomba carbiniere
fa la cacca nel bicchiere
il bicchiere si spaccò
Ciccio bomba lo leccò,
lo leccò con un ditino
Ciccio bomba maialino!
Receta bea, so sorea;
oceto beo, so fradeo;
bocheta bea, campaneo
dei frati ch' i fa din-don-dan.
Manina bea
fata penea
dove situ sta?
Da me cugnà.
Cosa ghetu magnà?
poentina e late
gate, gate, gate.
Sciopetin che va 'la guera,
co' sciopo par tera
co' scipo par man
pin-pun-pan!
Bau-bau-bau tete!

Man morta,
man morta,
man morta,
peta su pa' porta!

Stria longa
barba longa
pan e late
cucia cuciate!
Giro giro tondo
casca il mondo
casca la terra:
tutti giù per terra!
Dindoin che dindoeava
Mostacin che o vardava
se Dindoin cajva
Mostacin se divertiva.
Amba-rabà-ciccì-cocco
tre civette sul comò
che facevano l' amore
con la figlia del dottore,
il dottore si ammalò
amba-rabà-ciccì-coccò.
Papà, papà, pupù
compreme un sciopetin
che vojo 'ndare in Francia
per copare quell'uccellin
che a note no me assa mai dormir!
Passando per Bassano
merda di quà e merda di là.
Su ogni cantuccio un petoluccio
su ogni canton un petoeon
e chi arriva primo a pestarlo
tocca proprio a lui mangiarlo.
Piso, pisello, colore così bello
la santa marinara che sale sulla scala
la scala, lo scalone,
la penna del pavone,
la scatola del mare
vattene a giocare
col figlio del re
uno, due, tre.
Rinoceronte
che passa sotto il ponte
che salta, che balla,
che gioca alla palla,
che sta sull' attenti,
che fa i complimenti,
che dice "buongiorno"
girandosi attorno.
Gira e rigira,
la testa mi gira non ne posso più;
cara pallina
casca a terra
e poi torna sù.

Sotto el ponte de Verona
ghe se na vecia scoredona
che scoreda tuto el dì
a-b-c-d
toca proprio a ti.

Pomo d' oro, oro, oro, oro
di bilancia, ancia, ancia, ancia
quanti giorni sei stato in Francia?
Sotto el ponte de Bernaca
c' è Pierino che fa la cacca,
la fa dura dura dura
il dottore la misura,
la misura a trentaquattro
uno, due, tre, quattro.

L' uccelin che vien dal mare
quante penne può portare?
Può portarne ventitre,
uno, due, tre.

Sotto la cappa del camino
c' era un vecchio contadino
che suonava la chitarra
uno, due, tre: sbarra!
La bella lavandaia
che lava i fazzoletti
dei poveretti
della città.
Quando ha finito si alza in piedi
guarda in sù
guarda in giù
dalle un bacio a chi vuoi tu!

 

Maria, Maria Giulia,
alsa i oci al cieo,
fa un salto,
faghine un altro,
fa a riverensa,
fa a penitensa,
cavete el capeo,
daghe un baso a chi che te voi ti.

Careghete done
che porta e Madone,
che porta i angiooeti;
schiti, schiti, schiti!

 
Ciri-biri-bo
quanti corni ga sto bò?
Silensio perfeto
el diavoeto se in leto,
el tira el spagheto,
el mostra el cueto!
Unera, dunera, tenera,
quara, quareo,
ciocheta, marteo,
boton veronese,
numero diese!
A, bi, ci, carasa
tote a borsa
e scampa casa.
Marco petoea
va in caseta
co tri boi e 'na vacheta,
a vacheta no' voe tirare
Marco petoea se mete a criare.
Chi va l' osto
perde el posto.
chi va in ostaria
perde a partia.
Chi va a Verona
perde a poltrona.

Storia memoria
Besega, Loria, Ramon, Poiana,
salto de rana
salto de pese
caga in braghese.
Salto un foso
cato un oso,
salto un prà
trovo 'na vecia destirà.
Impianto un corteo
vien fora un oseo,
impianto un cortein
vien fora un mandarin.

Vò i 'na par 'na stradea morta
cato 'na cavreta morta
co' a pee me vestiso
co' a carne me pasiso
co' i oci fo do subioti
co' e rece fo do sece
col naso fo un vaso
co' e gambe fo quatro stanghe.
Vò de à del mare
me toca trombetare
vien fora el prete soto
el me dà un scapeoto,
vien fora el prete baerin
el me dà 'na butilieta de vin.
Vò a casa me fò a supa
e a vecia baba cuca
me a ga magnà tuta
che a bruta bescia!
Ghe jera 'na volta
Piero se volta,
caie 'na sopa
Piero se copa!
Chi se morto? Piero porco!
Chi se vvivo? Piero figo!
Chi che baea? A cavaea!
Come fasea? I-o, I-o.
Cavra, cavreta
che bruca l' erbeta
che sale sul monte
sul monte dela veta
cavra, cavreta!

Din den don
'e campane de Ramon
che le sona tanto forte
che le buta sò le porte
ma le porte se de fero
volta a carta ghe se un pero
un pero pien de piri
volta a carta ghe se do sbiri
do sbiri che suga a baea
volta a carta ghe se 'na cavaea
'na cavaea col pulierin
volta a carta ghe se San Martin
San Martin vestio de roso
volta a carta ghe se un poso
un poso pien de aqua
volta a carta ghe se 'na gata
'na gata co' i gatei
volta a carta ghe se do putei
do putei che fa ostaria
volta a carta a se finia!

Din den don
doman se festa
se magna a minestra
a minestra no' me piase
se magna pan e brase
a brase se masa nera
se magna pan e pera
a pera a se masa bianca
se magna pan e panca
a panca se masa dura
se va in leto adiritura!

A go un mario
che no'l me voe pì ben.
El vien casa da lavorare
no'l me dà pì a bonasera
el se tira su un canton
co' tanto de muson
mi ghe digo: "Viento in leto?"
e lu me fa un dispeto
mi ghe digo: "Tirate in quà!"
el se fa sempre pì in 'nà
tuta a note lu el tontona
e tute e cuerte lu el ga tirà
tira de quà, tira de là
soto el leto el se gà trovà
"Presto presto moglie mia
che mi sento morir!"
mi ghe porto su un oveto
soto i pai trentasie dì!

Alla larga, alla stretta
Pinocchio in bicicletta,
o de quà o de là
Pinocchio se ga rabaltà.
Aliolé tamozéche
taprofìta lusinghè
tulilàn blen blu
tulilàn blen blu
Quando che i brusa a striga
el fumo, se el va a Ferara
ciapa e ara,
se el va a Furlan
ciapa el sacheto e va a pan!
Uno no' se da dare
do no' se da tore
tre el se d' amore.
Pomo pero disi el vero
chi se sta a sporcare
so 'a porta del papà?
vero lì vero là
propri a mente questo qua!
Bruti viani de contadini
i pasa el marciapie
coe gaeose co'e broche,
ton, ton
no' i sa mia
che me fradeo ga un puteo?
Questa se astoria del sior Intento
che dura tanto tempo
che mai no' a se desbriga:
te a conte o te a diga?
Questa se a storia dell' ocarea
cusì longa e cusì bea
col capeeto in fronte:
te a conte sì o no?

Fa la nana puteo
che deso vien to pare,
el te porta el momon
fa a nana me amor!

(Dedicato ai miei nonni)

 

Seguici

Segui Cassola.info sulle nostre pagine Facebook e Twitter, per tenerti sempre informato.

Facebook Twitter RSS

Seguici su Facebook

Foto recenti

  • Pompieropoli Pompieropoli Pompieropoli Pompieropoli Pompieropoli Pompieropoli Pompieropoli Pompieropoli

Account