RIFIUTI SPECIALI: esempio di legalità

rifiuti

Riportiamo qui sotto un breve articolo comparso nei giorni scorsi riguardante la chiusura di un'attività economica che smaltiva in modo "poco consono" i rifiuti. Realtà cosi, ahimè, sono ancora abbastanza diffuse nel nostro panorama imprenditoriale e spetta a noi cittadini come dovere civico il segnalare alle autorità competenti,senza alcuna remora.

venerdì 31 maggio 2013

Sequestro azienda: rifiuti bruciati e non smaltiti

Rifiuti speciali bruciati invece che regolarmente smaltiti. Di questo sono accusati i responsabili di un’azienda, posta sotto sequestro l’altro ieri dalla Polizia locale di Montichiari, intervenuti insieme con gli uomini dell’Arpa di Brescia. «Su indicazione di alcuni cittadini - spiega Cristian Leali, comandante della Polizia locale - che, vedendo una colonna di fumo alzarsi in cielo pensavano a un incendio, martedì siamo intervenuti in un’azienda che ha sede a Carpenedolo, ma che è operativa a Novagli, in via Mantova. Una sorta di officina-deposito, dove si riparano macchine operatrici. Il controllo ci ha consentito di verificare che il materiale di scarto delle manutenzioni (plastica, filtri, dischi abrasivi…, ndr) non veniva smaltito correttamente, ma bruciato nel cortile dell’azienda, dove era stato realizzato una sorta di forno».
«Abbiamo trovato anche un deposito di latte metalliche contenenti olio idraulico - continua Leali -: una cinquantina di involucri che, peraltro, avevano perso dell’olio, che si era sparso sul terreno. Il tutto senza alcuna autorizzazione: per questo l’area è stata sottoposta a sequestro penale e il titolare della ditta indagato per violazioni al Testo unico dell’ambiente. Abbiamo trovato anche 9.000 litri di gasolio: era stato realizzato un distributore a uso privato, senza autorizzazioni. Tutto il materiale è stato sequestrato. Ora siamo in attesa dei carotaggi per verificare l’entità dell’inquinamento».
L’azione preventiva che portiamo avanti, conclude Leali, «non è rivolta solo nei confronti dei reati contro il patrimonio e la sicurezza, ma anche nei confronti dei reati ambientali».
Concetto ribadito dal sindaco Elena Zanola: «Da anni facciamo sì che la Polizia locale si occupi del territorio e degli abusi, non solo nel per quanto riguarda cave e discariche, ma anche delle varie aziende. Siamo favorevoli a qualsiasi attività che dia lavoro, ma a patto che si rispetti l’ambiente. Contro chi inquina siamo inflessibili».
gaf
fonte: http://www.giornaledibrescia.it/in-provincia/bassa/sequestro-azienda-rif...
 

Nel caso conosciate un'azienda che operi  o smaltisca i rifiuti in modo illecito come vi comportereste? Quanti di voi sono a conoscenza di realtà che lavorino in maniera cosi fraudolenta? E soprattutto quanti hanno avuto il coraggio di segnalarlo alle autorità competenti (Arpav,Gruppo NOE dei carabinieri,la procura e il prefetto)?

Categoria:

Seguici

Segui Cassola.info sulle nostre pagine Facebook e Twitter, per tenerti sempre informato.

Facebook Twitter RSS

Seguici su Facebook

Foto recenti

  • Cassola inizi 900 Asilo di Cassola 1978 Asilo Asilo - anni 40 Asilo anni 70 Villa Ca Mora Cassola - piazza anni 50 Campagna Cassola anni 50 Cassola - via Roma - anni 50 Cassola - passaggio a livello anni 50 Cassola - piazza anni 50 stazione ferroviaria Cassola rotonda piazza Calzolaio Pozzo di via Roma Funzione religiosa con Don Bruno piazza Cassola municipio cassola passaggio a livello stazione e tabacchi viale Capitello Cassola - piazza - anni 90 Cassola - viale capitello - anni 90

Account