Il Vescovo bacchetta Cassola

Tratto dal Giornalde di Vicenza del 13/06/2013

IL CASO. Don Antonio Mattiazzo rimprovera ai parrocchiani di aver creato un clima ostile attorno a don Romeo Zuin:"Ha fatto bene a denunciare gli ammanchi di denaro. Doveroso il processo a don Emanuele» Ora arriverà don Galdino Canova"

L'arcivescovo di Padova Antonio Mattiazzo bacchetta la comunità parrocchiale di Cassola e contemporaneamente annuncia l'arrivo del nuovo parroco. Resta incandescente il clima in paese dopo le vicende che hanno visto protagonista l'ex parroco don Emanuele Gasparini e l'aria pesante creatasi attorno al suo successore don Romeo Zuin. Una situazione che ha costretto il vescovo a muoversi in prima persona. A subentrare a don Romeo Zuin, “reo” di aver denunciato una mancanza di fondi nel bilancio parrocchiale di alcune centinaia di migliaia di euro, imputata poi tramite processo canonico alla condotta del precedente parroco don Emanuele Gasparini, sarà don Galdino Canova, 64enne di Casalserugo (Padova). Lo ha annunciato nei giorni scorsi l'arcivescovo Antonio Mattiazzo, che non è certo stato tenero con parrocchiani in merito a una vicenda che ha spaccato il paese tra sostenitori e non di don Gasparini. Il vescovo, ha rimproverato il comportamento tenuto da alcuni soggetti all'indomani della consegna, in febbraio, a don Zuin della relazione conclusiva sul processo. «Purtroppo - scrive il vescovo - alcuni all'interno della Comunità parrocchiale non hanno accolto con animo docile e sereno le mie disposizioni e hanno espresso reazioni di non accettazione, giudizi malevoli sulle persone, sospetti e maldicenza che hanno turbato gli animi e creato nella comunità un clima malsano. Don Romeo non ha sopportato fisicamente e psicologicamente questa situazione e ha chiesto di essere sollevato dall'incarico. Con sincero dispiacere, ho accettato le sue dimissioni». Il vescovo chiarisce poi chiarito vari punti riguardanti la vicenda, spiegando di istituito il processo a don Emanuele rilevando, sulla base della relazione di tre periti, una “cattiva amministrazione non giustificata” dei beni parrocchiali. «Non vi è stato malanimo da parte di Don Romeo - scrive Mattiazzo - È stata solo constatata una situazione oggettiva, sulla quale abbiamo dovuto intervenire. Per il bene della comunità di Cassola, don Emanuele è stato invitato a non frequentare la parrocchia». Ora lo scranno passa a don Galdino Canova, che arriverà in settembre. Riuscirà il nuovo parroco, già missionario in Brasile, a portare un po' di pace in paese?

Enrico Saretta

Categoria:

Seguici

Segui Cassola.info sulle nostre pagine Facebook e Twitter, per tenerti sempre informato.

Facebook Twitter RSS

Seguici su Facebook

Foto recenti

  • Cassola inizi 900 Asilo di Cassola 1978 Asilo Asilo - anni 40 Asilo anni 70 Villa Ca Mora Cassola - piazza anni 50 Campagna Cassola anni 50 Cassola - via Roma - anni 50 Cassola - passaggio a livello anni 50 Cassola - piazza anni 50 stazione ferroviaria Cassola rotonda piazza Calzolaio Pozzo di via Roma Funzione religiosa con Don Bruno piazza Cassola municipio cassola passaggio a livello stazione e tabacchi viale Capitello Cassola - piazza - anni 90 Cassola - viale capitello - anni 90

Account