DEBITI PUBBLICI: perchè certe differenze?

Sacrifici,sacrifici sacrifici! Questa è la parola che si sente più spesso da parte dell’Europa dei banchieri e dei burocrati strapagati. Da quando l’Unione Europea è una realtà, non si chiedono che sacrifici alla gente..ma ai potenti ricconi?

"Bisogna tenere i conti in ordine! Bisogna salvaguardare le banche! Bisogna razionalizzare la spesa!" In poche parole: si tagliano servizi essenziali alle persone per ripagare un debito che probabilmente, viste le sue dimensioni, è impagabile. Basti pensare che il debito pubblico italiano vale oltre 2mila miliardi ed è cresciuto sia con Berlusconi che con quel presunto genio di Monti. A dimostrazione che i sacrifici imposti ai più deboli non solo non sono serviti a nulla, ma hanno drasticamente peggiorato la situazione. Situazione destinata a peggiorare ancora, visto che inflazione, disoccupazione e pressione fiscale galoppano, mentre l’economia arretra.

I parrucconi a reti unificate vi fanno credere che esiste una sola ricetta: quella che prevede aumenti delle imposte e tagli a pensioni, scuola e sanità. Non è assolutamente così. Un esempio, che non è il Congo o CostaRica o il Kazakistan. Parliamo del Giappone, ovvero uno dei paesi più ricchi al mondo, una delle principali potenze industriali. Il Paese nipponico ha un debito pubblico di enormi proporzioni (rapporto debito/Pil 236%), ed un deficit spaventoso (rapporto deficit/Pil 10%). Insomma, con questi numeri sarebbe ampiamente fuori dei parametri di Maastricht. Eppure il Giappone non ha la minima intenzione di copiare le scellerate ricette europee che hanno affamato la Grecia e presto potrebbero ridurre alla miseria Portogallo, Spagna e Italia.

Come spiega un noto giornale:

“Il premier Shinzo Abe, ha avviato il suo piano di salvataggio: il governo tramite la banca centrale stamperà moneta (tanto da far passare la massa monetaria da 135mila miliardi a 270 mila miliardi entro il 2015) che servirà per comprare dalle banche i titoli di stato giapponesi (non solo i titoli a breve scadenza, ma anche quelli a medio e lungo termine). Il debito resterà invariato (perché il governo comprerà il debito già esistente) ed i tassi di interesse di qualsiasi scadenza si abbasseranno (grazie all’intervento statale). La grande iniezione di liquidità utilizzata per comprare i titoli farà da incentivo per gli investimenti (quindi le imprese e le banche una volta ricevuti i soldi dal governo li riutilizzeranno per la crescita)”.

Ma se il Giappone stampa moneta per fare fronte ai debiti, perché non lo fa l’Europa? Semplicissimo: i vari Stati dell’Ue non hanno sovranità monetaria. Il potere di stampare moneta ce l’ha solo la Bce, che è privata. E, quando immette liquidità, non lo fa per beneficenza, ma rivuole indietro i soldi. Il risultato è che gli Stati si indebitano e, su pressione delle lobbies finanziarie, tagliano i servizi, alzando le imposte, come si fa ormai da una decina d’anni a questa parte.

Ora, non è che stampare denaro a tonnellate ci renda tutti ricchi. Per carità, non siamo così sciocchi da pensarlo. Ma indubbiamente la possibilità di battere moneta, coi conti sballati che abbiamo, ci darebbe una grossa mano a uscire dalla crisi e impedirebbe il massacro sociale in atto. E tutto questo è niente rispetto a quel che avverrà a breve “grazie” al Mes e al Fiscal Compact!!

Non è il caso di rivedere la politica economica visto l'esempio del Giappone? Ha ancora senso insistere con l'opera di smantellamento del welfare per obbedire ai dictat dell'Europa? Uscire dalla comunità europea per Voi è possibile o no?

Aspettiamo la Vostra opinione su questo argomento che colpisce direttamente tutti i cittadini.

Categoria:

Seguici

Segui Cassola.info sulle nostre pagine Facebook e Twitter, per tenerti sempre informato.

Facebook Twitter RSS

Seguici su Facebook

Foto recenti

  • Cassola inizi 900 Asilo di Cassola 1978 Asilo Asilo - anni 40 Asilo anni 70 Villa Ca Mora Cassola - piazza anni 50 Campagna Cassola anni 50 Cassola - via Roma - anni 50 Cassola - passaggio a livello anni 50 Cassola - piazza anni 50 stazione ferroviaria Cassola rotonda piazza Calzolaio Pozzo di via Roma Funzione religiosa con Don Bruno piazza Cassola municipio cassola passaggio a livello stazione e tabacchi viale Capitello Cassola - piazza - anni 90 Cassola - viale capitello - anni 90

Account