Cementificazione a Cassola

Cementificazione a Cassola

Riprendiamo e pubblichiamo un articolo tratto dal sito del "Comitato No Gassificatore a Cassola" dal titolo "A proposito dei 50.000 mq. circa di terreno su cui lavorare disponibile a Cassola"

Nel corso dell’ultimo consiglio comunale, hanno dichiarato che in quanto a superfice agricola trasformabile non siamo messi male, anzi i 50.000 mq. circa rimasti, si possono considerare importanti e sono la prova provata che il nostro comune non è cementificato.

Ora, non vorremmo rovinare una legittima illusione, ma uno degli indici da prendere in considerazione per poter valutare appieno la vivibilità e la percentuale di cementificazione in un paese, è la densità abitativa per kmq. (più sono gli abitanti più ovviante sono le case, le strutture di servizio e quelle dedicate alle attività).

L’Istat, per quanto riguarda la densità abitativa, scrive:

La densità della popolazione è un indicatore utile alla determinazione dell’impatto che la pressione antropica esercita sull’ambiente.

Mentre, giusto per chiarezza, l’ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale scrive:

La pressione antropica  (Cliccare sulla scritta in verde per accedere al sito dell’ISPRA)

Questo indice rappresenta il disturbo complessivo di origine antropica che interessa gli ambienti all’interno di una unità fisiografica di paesaggio, analogamente a quanto definito alla scala 1:50.000 per i biotopi.

Gli indicatori che concorrono alla valutazione della pressione antropica sono:

  • carico inquinante complessivo calcolato mediante il metodo degli abitanti equivalenti.
  • impatto delle attività agricole.
  • impatto delle infrastrutture di trasporto (stradale e ferroviario).
  • sottrazione di territorio dovuto alla presenza di aree costruite.
  • presenza di aree protette, inteso come detrattore di pressione antropica.

Da ciò si ricava che più un comune è abitato più viene esercitata una pressione antropica “DI DISTURBO” sull’ambiente e di conseguenza sulle persone che lo abitano, naturalmente, più un ambiente è “DISTURBATO” più occorre servirlo con strutture, strade, scuole, e quant’altro occorre ai molti cittadini per poter loro garantire dei servizi quanto meno dignitosi.

Purtroppo non abbiamo indici in “detrazione” poiché l’indice dovuto alla presenza nel nostro comune di un corridoio ecologico Natura 2000 è stato eliminato alla fonte, dato che qualcuno ci ha fatto sopra una strada, quella che avrebbe collegato il Gassificatore al resto del mondo, ma che in ogni caso collega il nuovo capannone per lo “stoccaggio, recupero e trattamento di rifiuti pericolosi e non” in corso di costruzione, quello dietro la concessionaria Frattin, quello che è stato definito “UN TRASFERIMENTO TAL QUALE”, per cui l’indice in detrazione è stato fagocitato da una striscia di asfalto.

Ora, abbiamo fatto una piccola ricerca sulla densità abitativa del nostro comune e quella di altri 29 comuni confinanti, limitrofi, e comunque nella stessa provincia, inclusi Vicenza e Thiene, notoriamente più abitati di Cassola.

Questo il sito da cui sono stati ricavati: tuttitalia.it

Che sono perfettamente compatibili con quelli riportati in altri siti, come ad esempio: comuni.it

I risultati sono sbalorditivi, Cassola vince, anzi no, stravince, secondo l’ISPRA siamo uno dei comuni più “DISTURBATI”. E per fortuna che abbiamo ancora cifre importanti su cui poter lavorare, forse per alzare ancora l’indice DI DISTURBO  ma tranquilli, si alzerà visto che a breve dovremo considerare anche l’impatto, e non da poco, sia del consumo di territorio che del traffico derivanti prima dalla “Pedemontana“ e poi della famigerata “Bretella”, e potremmo tranquillamente vendere, cedere, permutare, edificare o altro anche quei 50.000 mq. circa, tanto più “DISTURBATI” di così ……. al limite, come dice un vecchio detto, si muore!

L'articolo originale si può leggere dal sito del "Comitato No Gassificatore a Cassola" dal titolo "A proposito dei 50.000 mq. circa di terreno su cui lavorare disponibile a Cassola"

Le tabelle allegate indicano la densità abitativa di alcuni Comuni vicentini a confronto con la densità abitativa di Cassola: i dati evidenziati sono impressionanti e sconvolgenti e sono il risultato di anni di cementificazione selvaggia, speculazione edilizia e spreco di suolo agricolo.

Categoria:

Commenti

Ritratto di poentaelatte

Non a caso, nel nostro comune, ci siamo avvalsi per troppi lustri de "i mejo ca ghemo"... (o mejo : "ca ghevimo, o ca gavimo"), a cui sarebbe opportuno far urgentemente consegnare il famigerato "tapiro" delle "Iene"... mamma mia che disperazione! Se da questi eloquenti confronti, emergono queste evidenti sproporzioni, beh, credo che siano stati ampiamente snobbato sacrosanti criteri e margini di civiltà e di valori ambientali difficilmente recuperabili.

Ritratto di yiyo

La vecchia amministrazione comunale continua a rifilarci le solite storie: "Nel corso dell’ultimo consiglio comunale, hanno dichiarato che in quanto a superficie agricola trasformabile non siamo messi male, anzi i 50.000 mq. circa rimasti, si possono considerare importanti e sono la prova provata che il nostro comune non è cementificato." Purtroppo per loro, di fronte a queste assurde dichiarazioni parlano i fatti reali e i numeri, come dimostrato nelle tabelle allegate all'articolo. Cassola è un Comune disastrato dal punto di vista urbanistico e per qualità di vita. Lo spreco di suolo dovuto alla speculazione edilizia è una triste realtà. Tornare indietro purtroppo non si può, ma si può sicuramente dare una svolta alle vecchie politiche speculative.

Seguici

Segui Cassola.info sulle nostre pagine Facebook e Twitter, per tenerti sempre informato.

Facebook Twitter RSS

Seguici su Facebook

Foto recenti

  • Cassola inizi 900 Asilo di Cassola 1978 Asilo Asilo - anni 40 Asilo anni 70 Villa Ca Mora Cassola - piazza anni 50 Campagna Cassola anni 50 Cassola - via Roma - anni 50 Cassola - passaggio a livello anni 50 Cassola - piazza anni 50 stazione ferroviaria Cassola rotonda piazza Calzolaio Pozzo di via Roma Funzione religiosa con Don Bruno piazza Cassola municipio cassola passaggio a livello stazione e tabacchi viale Capitello Cassola - piazza - anni 90 Cassola - viale capitello - anni 90

Account