Rifuti inerti: nuovo servizio porta a porta. Ma quanto mi costa?

rifiuto inerte

Dal sito dell'Etra possiamo leggere quanto segue:

Dal 19 settembre 2016 sarà attivato un servizio di raccolta porta a porta su chiamata per il conferimento degli inerti derivanti da piccole ristrutturazioni (mattoni, mattonelle, cemento, calcinacci, coppi, tegole, vasellame, ceramiche). Dalla data di partenza del nuovo servizio porta a porta non sarà più possibile portare questo tipo di rifiuto al Centro di raccolta.

Per prenotare il servizio sarà sufficiente chiamare il Servizio clienti Etra al Numero verde 800 247842 (da lunedì a venerdì 8-20). Un soggetto incaricato asporterà il materiale verificandone la conformità prima di avviarlo al trattamento presso impianti autorizzati.

Il servizio porta a porta viene introdotto per agevolare i cittadini che potranno esporre il rifiuto in prossimità della propria abitazione, evitando scomodi trasporti al Centro di raccolta. Questa modalità di conferimento consentirà un maggior controllo sul rifiuto da smaltire con l’obiettivo di eliminare la presenza di materiale non idoneo, anche contenente amianto, tra i rifiuti inerti conferiti dai cittadini.

 

Ma questo servizio ha un costo?

Ebbene sì, ma nel sito dell'Etra non viene specificato. Solo un ritiro all'anno è effettuato a titolo gratuito e per un quantitativo massimo di 150 litri.

Maggior controllo? Forse...

Quindi, oltre alla tassa dei rifiuti che già paghiamo, andranno ad aggiungersi anche le spese per lo smaltimento del rifiuto inerte. E sebbene il motivo per cui la raccolta venga fatta porta a porta sia lodevole (maggior controllo sul rifiuto da smaltire con l’obiettivo di eliminare la presenza di materiale non idoneo, anche contenente amianto), il fatto di dover sopportare spese aggiuntive per i rifiuti è alquanto avvilente.
Primo perchè già paghiamo per un servizio alquanto scadente: la raccolta porta a porta avviene solo per l'umido e il secco, a differenza di tutti i comuni limitrofi in cui il servizio porta a porta è totale.
Secondo perchè il maggior controllo che tale servizio dovrebbe portare lascia molto a desiderare, visti gli attuali controlli (pari a zero) sul ritiro del rifiuto secco (nei sacchi viene gettato rifiuto di ogni genere).

E' ora di cambiare!

Credo sia giunto il momento per l'amministrazione comunale di rivedere a fondo il sistema di raccolta dei rifiuti urbani per aumentare l'efficienza e ridurre i costi. Per comprendere meglio la situazione, ti consiglio di leggere come avviene il sistema di raccolta porta a porta nella provincia di Treviso da parte di Contarina spa e di confrontarlo con il nostro.

 

Categoria:

Seguici

Segui Cassola.info sulle nostre pagine Facebook e Twitter, per tenerti sempre informato.

Facebook Twitter RSS

Seguici su Facebook

Foto recenti

  • Cassola inizi 900 Asilo di Cassola 1978 Asilo Asilo - anni 40 Asilo anni 70 Villa Ca Mora Cassola - piazza anni 50 Campagna Cassola anni 50 Cassola - via Roma - anni 50 Cassola - passaggio a livello anni 50 Cassola - piazza anni 50 stazione ferroviaria Cassola rotonda piazza Calzolaio Pozzo di via Roma Funzione religiosa con Don Bruno piazza Cassola municipio cassola passaggio a livello stazione e tabacchi viale Capitello Cassola - piazza - anni 90 Cassola - viale capitello - anni 90

Account